La lussazione della rotula

 

Con la lussazione della rotula si ha la fuoriuscita della rotula dalla sua normale sede principalmente per due motivi:

  • per un trauma accidentale;
  • per una predisposizione genetica del soggetto.

Nella maggior parte dei casi la rotula lussa a causa di una lassità dei legamenti o per l’eccessivo valgismo del ginocchio.

Con soggetto predisposto, avviene quando si ha una contrazione del muscolo quadricipite femorale e una torsione delle gamba verso l’esterno in un’articolazione semi flessa. L’osso esce dal suo normale percorso spostandosi lateralmente.

Questa patologia colpisce spesso giovani sportivi con età compresa tra i 14 e i 18 anni, in particolare quelli di sesso femminile. Di rado sono interessate persone con età superiore ai 25 anni.

Diagnosi

La radiografia è l’esame essenziale per diagnosticare questo tipo di infortunio. Il medico può con essa valutare:

  • la presenza di una eventuale spontanea riduzione;
  • una frattura con presenza o meno di corpi mobili all’interno dell’articolazione.

Le fratture osteocondrali non sono rare e si possono avere, a livello cartilagineo, sulla faccetta postero mediale della rotula oppure può avvenire la rottura del condilo femorale laterale.

La risonanza magnetica e la tac sono altri due esami indispensabili perché il medico possa escludere eventuali altri danni alle parti molli collegate come i menischi o i legamenti.

 

Sintomatologia

Il dolore è violento e improvviso, il gonfiore elevato in particolare nella parte mediale del ginocchio. Per ridurre la Lussazione di rotulalussazione occorre, quando possibile, estendere completamente l’articolazione. Se il dolore è elevato si può procedere ad una leggera sedazione e quindi ad un riallineamento della rotula con manovra specifica.

Trattamento e cura

Il trattamento della lussazione della rotula deve essere tempestivo e può avvenire in modo incruento o chirurgico.
Dopo aver riallineato la patella (altro nome per definire la rotula) per mezzo di una manovra manuale con completa estensione dell’articolazione, occorre immobilizzare l’arto tramite un tutore ortopedico per un periodo di un paio di settimane. Gradualmente si procederà a far riprendere la normale funzionalità al ginocchio facendolo flettere con movimenti compresi tra gli 0 e i 60 gradi. Dopo altri quindici giorni di flessione limitata si potrà procedere a aumentare il raggio di movimento fino a 90°.

Durante le prime fasi sarà necessario procedere anche per via farmacologica: verranno somministrati degli antidolorifici oppure, nei casi più gravi, sarà possibile infiltrare del cortisone nell’articolazione.

Un buon piano fisioterapico con esercizi mirati al potenziamento della massa del quadricipite femorale eviterà alla rotula di subire altre lussazioni. Frequenti lussazioni della patella possono portare ad un’artrosi precoce dell’articolazione femoro-rotulea.

Nei casi più gravi si dovrà procedere con artrocentesi. Quando si ha una lussazione di questo tipo è facile il formarsi di emartro (cioè un versamento di sangue all’interno dell’articolazione) che andrà aspirato per mezzo di una siringa.

L’intervento chirurgico ha lo scopo di eliminare eventuali malformazioni della rotula.

Ripresa dell’attività sportiva

È consigliabile non riprendere l’attività sportiva prima dei due mesi dall’infortunio. Nei primi periodi di allenamento è sempre sconsigliato effettuare complete flessioni dell’articolazione del ginocchio.
Per essere più sicuri ed evitare recidive è consigliabile l’utilizzo di tutori ortopedici con spinta laterale della rotula e con una leggera steccatura sia laterale che mediale.

Lussazione della rotula

Tag:,

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close